Reportage dal Cake International di Birmingham 2018. Scopri come i giudici valutano le opere in concorso

La competizione di Cake Decorating più grande e più entusiasmante del mondo si è da poco conclusa.

Vi raccontiamo come è andata in questo reportage.

(un giudice al lavoro nel delicato compito di valutare le opere in concorso)

Anche quest’anno non potevamo mancare all’appuntamento più importante del mondo con il cake decorating internazionale: il Cake International di Birmingham, teatro dove i più grandi artisti del mondo espongono i loro incredibili capolavori.

Di questa avvincente competizione che attrae decine di migliaia di appassionati provenienti da tutto il mondo, avevamo già parlato in questo articolo, preannunciando lo spettacolo che sarebbe stato.

Siamo andati ad assistere di persona e a documentare, e quello a cui abbiamo assistito si è rivelato di gran lunga superiore alle nostre aspettative! 

Il livello tecnico ed artistico delle opere presenti in gara (n.d.r. quest’anno circa duemila!) ed anche delle opere in esposizione negli stand, si è elevato ancora di più rispetto agli anni precedenti; distinguendosi in modo particolare per numero di tecniche ed innovazione, mettendo in mostra opere incredibili e a dir poco spettacolari. 

Come ad esempio questa opera di cioccolato plastico a grandezza naturale, realizzata dall’artista britannica Emma Jayne (Award Cake Artist of the Year 2017), in esposizione nello stand del Cake Masters e raffigurante il personaggio Anne Wheeler – The trapeze artist (dal film “The Greatest Showman”. Sicuramente una delle opere che ci ha colpito di più in assoluto. 

Nei tre giorni di intensa attività (dal venerdì alla domenica), i giudici sono chiamati a valutare le opere in gara di ben ventuno differenti categorie, in ordine alfabetico dalla A alla Z.  

Le torte in gara, con o senza supporto interno, devono essere tutte ricoperte di materiale edibile, cioccolato o pasta di zucchero; in alcuni casi non sono soggette a limiti di altezza (come nel caso delle Illusion Cake) ma devono sottostare alle misure imposte dal regolamento. Pena l’esclusione dalla gara.

La creatività per tutti i lavori è la caratteristica più apprezzata e quest’anno è stata davvero molto elevata.

Sfoglia la gallery delle opere in concorso 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”100″ display_type=”photocrati-nextgen_pro_horizontal_filmstrip” image_crop=”0″ image_pan=”1″ show_playback_controls=”1″ show_captions=”0″ caption_class=”caption_overlay_bottom” caption_height=”70″ aspect_ratio=”1.777″ width=”1000″ width_unit=”px” transition=”fade” transition_speed=”1″ slideshow_speed=”5″ border_size=”0″ border_color=”#ffffff” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”120″ thumbnail_height=”90″ thumbnail_crop=”1″ ngg_triggers_display=”never” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”104″ display_type=”photocrati-nextgen_pro_horizontal_filmstrip” image_crop=”0″ image_pan=”1″ show_playback_controls=”1″ show_captions=”0″ caption_class=”caption_overlay_bottom” caption_height=”70″ aspect_ratio=”1.777″ width=”1000″ width_unit=”px” transition=”fade” transition_speed=”1″ slideshow_speed=”5″ border_size=”0″ border_color=”#ffffff” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”120″ thumbnail_height=”90″ thumbnail_crop=”1″ ngg_triggers_display=”never” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

 

Ecco il racconto di uno dei giudici del Cake International sul delicato compito della valutazione delle opere:

Tracey, titolare della pasticceria Little Cherry Cake Company e due volte finalista al Cake Master Award, chiamata a giudicare la categoria Illusion Cake – […] in praticauna torta che non deve sembrare torta  – (traduzione di Grazia Sorricelli).

1) Innanzi tutto, quali sono gli obiettivi da raggiungere in questa competizione?

“Struttura creativa significativa, meriti speciali, medaglia di bronzo, d’argento o d’oro; questi i premi a cui ambire. Gli standard quest’anno erano molto alti”

2) Cosa si valuta quando si giudica una torta in gara?

“Per prima cosa si dà un’occhiata alla scheda e si controllano accuratamente i bordi, i limiti, il materiale di cui sono ricoperte le torte. Se sono realizzate con materiali edibili, i supporti utilizzati e poi se sono state ricoperte nel modo giusto.  Si cerca di vedere bene come è ricoperta la torta, personalmente durante la valutazione controllavo se c’erano crepe, se la pasta di zucchero era stesa bene, se le forme erano gonfie o i bordi erano dritti. Se ad esempio hai scelto una torta che raffigura del cibo, i colori devono essere realistici. Controllavo ogni pezzo, anche dietro la torta, e verificavo come avevi ricoperto ogni angolo. Se era stato messo un pezzo in aggiunta, controllavo se era stata applicata la colla e mi accertavo che non si vedesse. Se avevi pitturato, controllavo se era stata usata uno stile di pittura o di tempera. Se avevi dipinto ogni pezzo con il suo supporto, e poi lo avevi rimosso. Controllavo quante tecniche avevi usato e come le avevi usate. Se avevi centrato il tema della categoria, se avevi una buona manualità, se il lavoro era pulito. Se avevi usato l’aerografo, controllavo se avevi applicato toni differenti su ogni pezzo. Controllavo se le piéce avessero interpretato la categoria. 

3) Quali sono i fattori fondamentali?

“Pulizia dei lavori, colorazione e stile di pittura, numero di tecniche utilizzate e loro utilizzo, corretta interpretazione del tema della categoria prescelta, livello di manualità. Eventuali danni subiti durante il trasporto. 

C’erano tante tecniche nuove, l’obiettivo era che ce ne fossero abbastanza in più. Nel complesso è stato fatto un lavoro molto interessante. La cosa eccitante era vedere come le persone avevano trasformato le torte in qualcos’altro.

Le forme utilizzate sono tantissime, e i risultati sono sorprendenti!

4) Finite le votazioni, cosa succede? 

I giudici hanno finito alle 16.00. Solo dopo aver terminato le valutazioni è possibile avvicinarsi alle torte in gara, che sono state transennate per impedire che il pubblico si avvicini e possa danneggiare le opere. Finalmente ora il pubblico può ammirare le torte nelle più svariate categorie, le più amate.

Ed è allora che è inizia la parte più coinvolgente ed emozionante: i partecipanti possono condividere ed esporre le loro creazioni sui social e mostrare a tutti le loro abilità.

Congratulazioni a tutte le new entry, quest’anno erano tantissime, speriamo di incontrarci anche il prossimo anno!” 

Guarda tutti i vincitori del Cake International 2018: clicca qui 

In foto: Best in Show 2018, la Wedding Cake a piani realizzata da Xian Wei Yeo